Autismo in Campania

Situazione autismo in Campania.

Grande confusione di trattamenti abilitativi, solo pochi centri di riabilitazione erogano terapie ABA (Applied Behavior Analysis) la cui efficienza è riportata nella letteratura scientifica internazionale. Le terapie ABA vengono di solito prescritte dalle ASL ancora come trattamenti di logopedia e psicomotricità solo l’ASL di Avellino prescrive trattamenti ABA secondo il progetto stilato dal dr. Vittozzi. Sulla base di tale progetto le terapie così prescritte possono essere effettuate da figure professionali diverse adeguatamente formate ABA (Psicologi ed Educatori Professionali e Terapisti Occupazionali). Tale progetto sembra che sia attuato nell’ambito di un budget ulteriore e diverso dal tradizionale tetto di spesa.

Progetto Autismo Centro Scoliosi.

Il progetto affronta il problema dell’autismo sotto l’aspetto dell’abilitazione e recupero. L’ autismo attualmente è definito come una malattia multisistemica con anomalie neurologiche, gastrointestinali, endocrine, immunitarie, dello sviluppo e della comunicazione.

Le linee guida per l’autismo (SINPIA) indicano l’ABA (Applied Behavior Analysis) la scienza in cui vengono applicate le procedure derivate dai principi del comportamento per migliorare  comportamenti socialmente significativi, tra i trattamenti per il recupero delle abilità di questi soggetti.

Le cause dell’autismo sono ancora sconosciute. Sono state avanzate delle ipotesi sui fattori genetici e ambientali, ma al momento tali teorie sono ancora insoddisfacenti.

Il problema è meritevole di investimento perché sul territorio nazionale le strutture specializzate per il trattamento dei soggetti autistici sono poche e talvolta a pagamento e non convenzionate.

I beneficiari saranno individui con diagnosi di autismo. Gli effetti positivi si avranno sia sulla qualità di vita dello stesso paziente e sui caregivers che sul risparmio del servizio pubblico (ASL)  in termini economici e di carichi sociali.

Utilizzando l’ABA come intervento intensivo e precoce specifico si ha un recupero migliore e più veloce di abilità compromesse o deficitarie secondo la letteratura scientifica internazionale.

I dati relativi ai casi di autismo in Europa stimano 1 caso su 86 nati.

Terapie ABA domiciliari con curriculum personalizzato

il trattamento ABA deve essere intensivo e continuativo e se il trattamento è anche precoce, i margini di recupero sono buoni secondo la letteratura scientifica internazionale e anche per gli autistici in età adulta ci può essere un miglioramento. E’ una soluzione innovativa e trasformativa

L’autismo purtroppo è in crescita per cui nel tempo ci sarà bisogno di sempre più di operatori formati per trattarli. I trattamenti ABA sono domiciliari pertanto le infrastrutture e i materiali sono secondarie al sistema ad eccezione degli strumenti di valutazione

Gli utenti fruiscono gratuitamente di un trattamento individualizzato che mira a potenziare le abilità deficitarie e che li aiuta a sviluppare l’autonomia necessaria in tutti i contesti di vita. I loro caregivers riceverebbero la formazione adeguata nel rapporto quotidiano con il loro parente, migliorando la qualità di vita di entrambe.

Sono previsti nel progetto 2 terapisti ABA (logopedisti, neuropsicomotricisti, terapisti occupazionali) per ogni bambino, 1 psicologo psicoterapeuta con frequenza Master ABA II liv. che supervisiona il loro lavoro.

Terapie ABA domiciliari :

con terapisti di 2 ore al giorno +1 ora a settimana di terapia a scuola

con Consulente ABA di 5 ore al mese di supervisione terapia effettuata dagli operatori (incluso presa in carico iniziale della famiglia)+3 ore al mese di supervisione a scuola + 3 ore di supervisione per redigere relazioni sul caso +1 ora per visionare video della terapia e prese dati+2 ore somministrazione di VB MAPP o ABLLS-R per la valutazione ogni 6 mesi+2 ore per redigere relazione VB MAPP o ABLLS-R ogni 6 mesi.

Pertanto si prevede per ciascun bambino, un complessivo di ore 50 circa per gli operatori compresi interventi esterni scolastici e un complessivo di 12 ore mensili per il consulente ABA + 4 ore semestrali per la valutazione.

Il progetto prevede terapie a casa, a scuola e sul territorio, fornisce abilità ai soggetti autistici e generalizzazioni nel contesto sociale, forma operatori specializzati ABA e informa e cerca di sensibilizzare la società e il territorio sull’autismo con lo scopo finale di favorire l’autonomia e l’integrazione sociale a tutti gli effetti degli individui autistici.

Miglioramento della comunicazione (Training mand (richiesta)per i soggetti vocali: linguaggio; per i non vocali: ingua dei segni, pecs, comunicatore), miglioramento delle interazioni sociali con i familiari, con il gruppo dei pari, insegnanti ecc.; ampliamento degli interessi attraverso condizionamento di nuove attività; acquisizione del controllo educativo; acquisizione di abilità attraverso specifici training(training tact (denominazione);imitazioni grosso e fine motorie; matching colori, forme, ecc; istener (abilità dell’ascoltatore)ecc.).Pertanto il progetto risulta essere ad alto impatto sociale con il coinvolgimento di elementi segnalati precedentemente.

Nella presa in carico di un paziente con autismo ci sarà un primo colloquio tra il Consulente ABA e i genitori; poi il consulente farà una valutazione del paziente con strumenti standardizzati. Successivamente verrà stilato un curriculum individualizzato in forma di relazione operativa e verrà spiegata ai terapisti. I terapisti lavoreranno con il paziente ogni giorno e l’andamento del trattamento verrà monitorato ogni mese sul campo, attraverso riprese video e prese dati.

Le acquisizioni verranno poi generalizzate ad altri contesti situazioni e persone variando le istruzioni con l’obiettivo finale di una completa autonomia.

Bisogna porre l’attenzione sul fatto che non ci sia improvvisazione e confusione sulle figure professionali specifiche e formate adeguatamente per l’autismo.

Ci vuole una rete definita, tra specialisti (neuropsichiatri infantili), terapisti, psicologi, famiglia e contesto sociale (scuola, attività sportiva, momenti di aggregazione.

Tutto questo è il vero ABA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo tecnologie come i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i dati di traffico. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Su questo sito utilizziamo tecnologie come i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i dati di traffico. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi