Onde d’urto

Le onde d’urto nascono in urologia come litotritori. Nel 1980 un odontoiatra di Francoforte scoprì il loro effetto antinfiammatorio sui tessuti molli. Da allora i campi di applicazione medica di questa

forma di energia si sono estesi.

Oggi è facile trattare le patologie dolorose con le onde d’urto. L’ampio angolo di accoppiamento

elimina la sensazione di dolore ed esclude l’utilizzo di analgesici.

Gli effetti biologici delle onde d’urto sui tessuti possono essere di diverso tipo.

Nell’immediato: vasodilatazione da simpaticoplegia temporanea, con conseguente effetto “wash–out”;

Con trattamento più prolungato: liberazione di fattori plasmatici (ESAF e collagenasi) che

stimolano la neoangiogenesi capillare. Nei tessuti ossei l’effetto cavitazionale determina la

rottura dei cristalli di idrossiapatite con liberazione di microcristalli, causando un’espansione del

numero dei nuclei di aggregazione calcica con riattivazione ed ampliamento della risposta

osteogenica.

Le principali patologie trattate sono:

  • Sperone calcaneare
  • Fascite plantare
  • Tendine dell’achilleo
  • Tendinite rotulea
  • Borsite traumatica e microtraumatica
  • Tendinosi calcifica e non della cuffia dei rotatori
  • Tendinite semplice o calcificata
  • Epicondilite
  • Epitrocleite
  • Tunnel carpale
  • Dita a scatto
  • Induratio penis plastica
  • Scafoide
  • Esiti cicatriziali
  • Pubalgie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo tecnologie come i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i dati di traffico. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Su questo sito utilizziamo tecnologie come i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i dati di traffico. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi